Turismo sostenibile in Messico

Turismo sostenibile in Messico

Carissimo amico lettore, ti propongo un articolo che ti può aiutare a fare le giuste scelte prima di organizzare un viaggio in Messico, uno di quei viaggi che dovresti fare almeno una volta nella vita, ricercando il contatto con le culture e le persone locali, pensando cioè al turismo sostenibile. Ma se stai programmando un viaggio secondo i principi del turismo sostenibile in un altro paese del mondo, le informazioni che vi troverai, sono sicuro, ti torneranno utili lo stesso. Buona lettura.

da Angela, redattrice di  Travindy

Obiettivo: Cambiare preconcetti su destinazioni stigmatizzate.

Ormai già da alcuni mesi mi trovo in Messico, Paese che grazie alle fuorvianti comunicazioni dei media, ha acquisito agli occhi dei turisti stranieri un’immagine di insicurezza generalizzata. Non sarò certo io a cercare di cambiare questa immagine; tutte le notizie che ascolterai sul Messico o che leggerai sui quotidiani sono per la maggior parte vere. Il Paese sta attraversando un momento molto complicato a livello socio-politico e questo interferisce su tutti i piani della società in un sistema economico che evidentemente è già debole di suo. Tutto questo porta a conseguenze irrimediabili sul sistema turismo messicano che viene condannato così ad essere ricordato nel modo più classico, cioè nella stagnante idea di aziende straniere della fin troppo conosciuta Riviera Maya.

Turismo: biodiversità e sostenibilità

Tuttavia bisogna spezzare una lancia a favore del turismo in Messico: il Paese continua ad essere una buona meta turistica, sempre e quando si adottino le classiche misure di prevenzione e si evitino determinate zone. La Repubblica messicana è un autentico crogiolo in cui si mescolano le radici preispaniche delle 53 etnie indigene che popolano ancora ogni angolo del Paese e l’influenza delle culture europee dopo la colonizzazione. Inoltre il Messico è qualificato come un paese megadiverso, cioè  considerato tra i più ricchi di biodiversità del pianeta. Questo vuol dire che può vantare il 12% circa delle specie faunistiche del Pianeta e 34 ecosistemi inalterati. Tutto questo permette al Messico di offrire esperienze entusiasmanti per qualsiasi tipo di viaggio e, cosa non da poco per noi europei, anche economicamente accessibili.

Turismo in Messico

Ti chiederai perché ti racconto tutto questo? Perché malgrado tutto quanto descritto fino ad ora, il Messico continua ad essere visto come la terra dei Mariachis con il loro sombrero tipico e  per i cactus o per le zone cosiddette “sicure” solo per essere incluse in qualche catalogo di grandi e conosciuti tour operator. Ma certo! Perché correre rischi mettendo un solo piede fuori dal cancello del resort se hai tutto quello di cui puoi aver bisogno proprio dentro l’hotel? Magari la risposta potrebbe essere che dentro è tutto incluso…E poco importa se è tutto incluso meno l’essenza stessa del Messico…

Si tratta di una domanda che rimbomba nella mia mente diverse volte al giorno. Ma come si potrebbe cambiare la percezione generale secondo cui in Messico meglio non esplorare troppo, meglio non viaggiare da soli, meglio pianificare ogni minimo dettaglio? La mia risposta credo sia molto semplice: la voglia di cambiamento deve arrivare proprio dalle alte sfere, quelle che gestiscono l’immagine e la comunicazione generale del Messico.

É proprio qui che dobbiamo essere desti e utilizzare i principi di marketing del turismo sostenibile, non solo per raggiungere i potenziali clienti, ma anche per interagire con loro, con i fornitori e altre organizzazioni che hanno la nostra stessa filosofia.

Turismo sostenibile in Messico: volere è potere

Per raggiungere questo fine, dobbiamo raccontare le storie, le storie di tutti i giorni, storie in grado di emozionare i nostri lettori, storie che permettano loro di sognare ad occhi aperti e di scoprire nuovi e magnifici luoghi stando seduto sulla sua comoda sedia a migliaia di chilometri di distanza; storie che facciano rivivere quelle lontane leggende che a noi raccontano camminando nella foresta; storie che facciano sognare di osservare il cielo illuminato solo dalla via lattea, senza luna e senza nessun tipo di luce artificiale.

Querétaro, Messico

Obiettivo? Creare sinergie propositive

Sono convinta che solo in questo modo potremo cambiare l’immagine generale che si è creata intorno al Messico, e ad altre mete turistiche che stanno passando per lo stesso triste momento, mete conosciute solo dal dentro di un hotel, tutto sommato, simile a quello che troviamo nelle nostre grandi città. L’obiettivo deve quindi essere quello di creare nuove e significative relazioni tra tutti gli implicati, di creare esperienze di viaggio nel Paese. Abbiamo l’obbligo di fomentare sinergie tra le agenzie locali, tour operator e hotel, affinché riescano a coinvolgere il turista anima e corpo nel suo proprio viaggio, visto che, proprio dall’opinione che quest’ultimo si farà, dipenderà, nella più semplice forma di comunicazione e pubblicità, cioè il bocca a bocca, il futuro di tante altre storie di viaggio.

Per leggere l’articolo originale clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi gli sconti riservati solo per te!!!

 

Iscriviti alla nostra NEWS LETTER per ricevere le ultime novità, le promozioni riservate agli iscritti e gli aggiornamenti del nostro blog.

RICEVI IMMEDIATAMENTE UNO SCONTO DEDICATO PER UN SOGGIORNO!!!

Grazie per esserti iscritto, ti invieremo in anteprima gli aggiornamenti del Blog e gli sconti riservati solo agli iscritti per viaggiare bene spendendo meno!!!

Iscriviti alla mia Newsletter

Mantieniti aggiornato su promozioni.

Se ti iscrivi RICEVI IMMEDIATAMENTE UNO SCONTO DEDICATO PER UN SOGGIORNO!!!

You have Successfully Subscribed!